Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere un'ottima esperienza sul nostro sito.
Cliccando OK ci confermi che sei d'accordo OK APPROFONDISCI
Assistenza

Continua ad esserci incertezza nel mondo del trasporto aereo e dei viaggi in genere sulle conseguenze operative determinate dalla pandemia di CoronavirusCOVID-19.
Come noto l’ Articolo 6 del DL. ha da tempo disposto la riapertura delle frontiere dal 3 giugno 2020
Attualmente (14 luglio), fatte salve specifiche limitazioni, sono stati autorizzati gli spostamenti da e perl’Italia, Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Croazia, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia e Ungheria); b) Stati parte dell’accordo di Schengen (gli Stati non UE parte dell’accordo di Schengen sono: Islanda, Liechtenstein, Norvegia, Svizzera); c) Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del nord; d) Andorra, Principato di Monaco; e) Repubblica di San Marino e Stato della Città del Vaticano.
Per i viaggiatori sarà agevole avere ogni aggiornamento attraverso la consultazione del sito Re-open Eu, della Commissione Europea..
Fino al 14 luglio 2020 restano vietati gli spostamenti dall’Italia verso Paesi non appartenenti alla Unione Europea e NON SCHENGEN se non per motivi di assoluta necessità.
Ovviamente è permesso il rientro in Italia presso il proprio domicilio, abitazione o residenza per chi è all’estero. Purtroppo molte compagnie aeree e/o Paesi hanno sospeso i voli da/per gli aeroporti italiani e pertanto sarà necessario l’eventuale possibilità di utilizzare connessioni e tratte operative per rientrare.
Sussiste ancora una rigida sorveglianza sanitaria con isolamento fiduciario per i passeggeri che hanno soggiornato in Paesi in cui ancora non è stato liberalizzato l’accesso nei 14 giorni anteriori all’ingresso in Italia.
I cittadini di stati terzi residenti in Algeria, Australia, Canada, Georgia, Giappone, Montenegro, Marocco, Nuova Zelanda, Ruanda, Serbia, Repubblica di Corea, Thailandia, Tunisia, Uruguay possono rientrare in Italia senza giustificare le ragioni del viaggio ma chi rientra da questi Paesi è comunque soggetto all’isolamento domiciliare di 14 giorni (quarantena).
Diverso se il rientro in Italia avviene attraverso uno scalo tecnico che non prevede l’uscita dall’aeroporto, attualmente consentito.
Se state pianificando ugualmente di recarvi all’estero per trascorrere le vostre vacanze ricordate che:
· In Francia: non vi sono restrizioni alla circolazione attraverso le frontiere interne (terrestri, aeree e marittime) dell’Unione Europea.
· Spagna: nessuna restrizione per i viaggiatori italiani e per coloro che accedono da aerea Schengen.
· Grecia: dal 1 luglio i voli internazionali arrivano in tutti gli aeroporti greci.
· Regno Unito: Dal 10 luglio, i viaggiatori in arrivo dall’Italia e da altri Paesi ritenuti a rischio ridotto (dovranno solo compilare un modulo di ingresso.
· Germania: nessun controllo per i turisti provenienti da paesi UE e Schengen.
· Stati Uniti: sussiste lo stato di emergenza con sospensione temporanea, fino a nuovo ordine, dell’ingresso dei viaggiatori.
· Emirati Arabi Uniti: le Autorità degli Emirati Arabi Uniti hanno disposto la ripresa graduale dei collegamenti aerei in uscita dal Paese, ma l’ingresso negli EAU rimane consentito solo ai cittadini emiratini.
· Giappone: nessun permesso di entrata sino al 31 luglio per stranieri nel territorio giapponese.
· Thailandia: le autorità thailandesi hanno prorogato al 31 luglio lo stato di emergenza nazionale.. Sino a tale data non saranno consentiti i transiti aeroportuali e rimangono chiuse tutte le frontiere terrestri.
· Australia: vige un regime di auto isolamento. L’unica compagnia che ancora assicura collegamenti tramite i quali è possibile raggiungere l’Italia, con scali intermedi, eventualmente anche verso destinazioni europee vicine da cui sono disponibili voli, in particolare su Roma, (Londra, Francoforte, Bruxelles) è la Qatar Airways.

Per qualsiasi informazione contattateci attraverso e-mail info@salvaviaggio.com

Come funziona

icona aereo

1

Presenta la richiesta di rimborso

Occorrono soltanto pochi secondi per completarla! Potrai subito scoprire l‘ammissibilità della richiesta e l‘entità del risarcimento.

Lottiamo per I tuoi Diritti

Il nostro team di esperti verificherà approfonditamente l‘ammissibilità, contattando le compagnie aeree e collaborando con le autorità.

2

3

Ricevi GRATIS il tuo Risarcimento

Dopo aver ricevuto il risarcimento provvederemo a trasferire il denaro. Il nostro servizio è TOTALEMNTE GRATUITO. Nessun pagamento in caso di insuccesso.

Rimborso al 100%

Avrai il 100% del Rimborso. Non tratteniamo nessuna commissione, sarà la compagnia aerea ad evadere il nostro compenso.

icona ok

Perché Sceglierci

Avv Collavini
  • Siamo gli unici professionisti del settore, con esperienza ventennale nell’ambito turistico
  • La rapidità nell’avvio delle pratiche per noi è fondamentale
  • Ti offriamo un’assistenza 24 ore su 24 tempestiva e costante, seguendoti passo dopo passo
  • La trasparenza del nostro lavoro è la caratteristica che più ci contraddistingue


Una squadra di professionisti per offrirti assistenza costante e completamente GRATUITA, Un team di esperti nel settore del turismo con ESPERIENZA VENTENNALE, Sempre operativi per offrirti un servizio qualificato e professionale 24H AL GIORNO, Ti aiutiamo a ottenere la compensazione pecuniaria e il RISARCIMENTO DEL DANNO
100 %
assistenza
gratuita
12.000
casi
in 20 anni
20
anni di tutela
dei passeggeri
99 %
feedback
positivi
24 h
assistenza gratuita
Fai valere i tuoi diritti!
Il servizio è gratis per te, ogni spesa sarà a carico della compagnia aerea.
Il nostro team di avvocati richiederà il rimborso del biglietto e il risarcimento del tuo danno.