Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere un'ottima esperienza sul nostro sito.
Cliccando OK ci confermi che sei d'accordo OK APPROFONDISCI
Assistenza

Avv. Fabio Collavini La pandemia ha cambiato le abitudini delle persone ed inevitabilmente ha prodotto profondi cambiamenti anche nelle misure di prevenzione. Nel trasporto aereo il coronavirus ha imposto una riduzione delle rotte, specifici controlli sanitari, riduzione dei servizi ed ovviamente tariffe più elevate. Le compagnie aeree si trovano di fronte a decisioni spesso drastiche, che, tuttavia, si rendono necessarie per poter resistere alla crisi di un mercato completamente fermo. Ovviamente, la prevenzione è la linea guida di ogni intervento che, inevitabilmente, cambierà il nostro modo di viaggiare. Ogni passeggero avrà l’obbligo di utilizzare mascherine sanitarie e abituarsi a mantenere distanze sociali di sicurezza, adeguandosi anche a nuove regole per interagire con il personale di terra ed i membri dell’equipaggio. Cambieranno anche le semplici procedure di imbarco e sbarco subiranno, con inevitabili ripercussioni sulle tempistiche di volo, con allontanamento dei passeggeri dal trasporto aereo con riferimento al corto raggio. La verità è che il trasporto aereo si è trovato impreparato a gestire un problema epocale come quello di una pandemia diffusa in tutto il mondo ed ora deve affrontare le problematiche operative di una convivenza con “un passeggero decisamente sgradito” che ha imposto una riduzione dei voli di oltre il 70%. L’emergenza sanitaria ha inoltre determinato anche una profonda trasformazione delle abitudini lavorative di aziende e professionisti che hanno cominciato in tutto il mondo ad utilizzare la tecnologia per svolgere il proprio lavoro a distanza, ottimizzando tempi e costi, a discapito dei viaggi di lavoro. Anche sul versante turistico, come confermato recentemente dalla IATA, ci sarà una profonda contrazione, con un prevedibile rallentamento da 6 mesi ed un anno prima di poter tornare a viaggiare. La stima preoccupante è di una riduzione del 50% della biglietteria aerea nel prossimo futuro. D’altro canto, anche ove i passeggeri decidessero di viaggiare dovrebbero affrontare la problematica del limitato numero di posti e dei costi decisamente più elevati dovuti, come detto alle misure di sicurezza. Tale ultimo profilo, potrebbe determinare anche cambiamenti logistici all’interno dell’aeromobile, creando inaccettabili condizioni di trasporto per i passeggeri specialmente nei voli di lungo raggio. Potrebbe essere infatti prevedibile una riduzione dei servizi per le classi economy (al fine di non aumentare eccessivamente i prezzi) e la trasformazione degli spazi imposti dalle misure di sicurezza in aree business o premium per cercare di ottimizzare in qualche modo i già bassi profitti per i vettori aerei. La considerazione finale a cui porta tale breve considerazione è che in assenza di una ripresa, gli aiuti di stato non basteranno a sostenere le compagnie aeree, che non potrebbero resistere più di 6 mesi in questa condizione di stallo dovendo poi dichiarare fallimento. Tale rischio, apre una ulteriore polemica sulle scelte del governo italiano di autorizzare vettori aerei stranieri a trattenere il prezzo dei biglietti acquistati da parte dei consumatori, dietro il rilascio di un voucher, utilizzabile entro un anno dalla sua emissione, senza alcuna garanzia su tale titolo di credito o possibilità di riscattarlo in caso di impossibilità a fruirne. È di immediata evidenza, infatti, che aver imposto un termine di validità limitato a 12 mesi, determinerebbe inevitabilmente, l’obbligo del passeggero di utilizzare tale voucher (che non è un biglietto ma un titolo di viaggio) per acquistare biglietteria a prezzi necessariamente più elevati, condizionata alla disponibilità dei posti da parte del vettore aereo. È altresì immaginabile, che i passeggeri in genere, saranno scoraggiati a viaggiare nel prossimo anno a causa delle conseguenze economiche della crisi e dei potenziali rischi di contagio durante i trasferimenti aerei, rendendo di fatto inutilizzabili i crediti trasferiti attraverso i voucher. I vettori, d’altro canto, attesa la massiva emissione di voucher sarebbero in ogni caso obbligate a viaggiare, ma, in assenza di richieste ulteriori, la domanda basata solo sul riscatto dei voucher sarebbe insufficiente per garantire la prosecuzione dell’attività aerea.

Come funziona

icona aereo

1

Presenta la richiesta di rimborso

Occorrono soltanto pochi secondi per completarla! Potrai subito scoprire l‘ammissibilità della richiesta e l‘entità del risarcimento.

Lottiamo per I tuoi Diritti

Il nostro team di esperti verificherà approfonditamente l‘ammissibilità, contattando le compagnie aeree e collaborando con le autorità.

2

3

Ricevi GRATIS il tuo Risarcimento

Dopo aver ricevuto il risarcimento provvederemo a trasferire il denaro. Il nostro servizio è TOTALEMNTE GRATUITO. Nessun pagamento in caso di insuccesso.

Rimborso al 100%

Avrai il 100% del Rimborso. Non tratteniamo nessuna commissione, sarà la compagnia aerea ad evadere il nostro compenso.

icona ok

Perché Sceglierci

Avv Collavini
  • Siamo gli unici professionisti del settore, con esperienza ventennale nell’ambito turistico
  • La rapidità nell’avvio delle pratiche per noi è fondamentale
  • Ti offriamo un’assistenza 24 ore su 24 tempestiva e costante, seguendoti passo dopo passo
  • La trasparenza del nostro lavoro è la caratteristica che più ci contraddistingue


Una squadra di professionisti per offrirti assistenza costante e completamente GRATUITA, Un team di esperti nel settore del turismo con ESPERIENZA VENTENNALE, Sempre operativi per offrirti un servizio qualificato e professionale 24H AL GIORNO, Ti aiutiamo a ottenere la compensazione pecuniaria e il RISARCIMENTO DEL DANNO
100 %
assistenza
gratuita
12.000
casi
in 20 anni
20
anni di tutela
dei passeggeri
99 %
feedback
positivi
24 h
assistenza gratuita
Fai valere i tuoi diritti!
Il servizio è gratis per te, ogni spesa sarà a carico della compagnia aerea.
Il nostro team di avvocati richiederà il rimborso del biglietto e il risarcimento del tuo danno.