Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere un'ottima esperienza sul nostro sito.
Cliccando OK ci confermi che sei d'accordo OK APPROFONDISCI
Scarica ora la nostra App.
Avrai assistenza immediata!

Dopo 8 anni la Blue Panorama (rinominata LUKE AIR nel 2019) ha depositato per la seconda volta il ricorso per l’ammissione alla procedura di concordato con riserva questa volta davanti al Tribunale di Milano

Ma cosa significa e cosa comporta per tutti quei passeggeri che avevano acquistato biglietti aerei Blue Panorama o avevano crediti derivanti da azioni risarcitorie per inadempimento contrattuale della compagnia aerea, per negato imbarco, ritardo aero, cancellazione o smarrimento del bagaglio.

Facciamo chiarezza.

Seppur non vi siano ancora informazioni chiare sulle finalità sul destino della Blue Panorama, deve comunque rilevarsi che il deposito della domanda di concordato con riserva è una azione preventiva diretta a tutelare l’azienda aggredita dalle richieste dei creditori, per un periodo tra i 60 ed i 120 giorni, tuttavia prorogabile, al fine di depositare una domanda di concordato definitiva.

In sostanza in tale periodo, Blue Panorama rimane titolare della gestione dell’impresa, ma vengono bloccate le istanze di fallimento, le azioni esecutive e cautelari sull’impresa e vengono sospesi tutti i pagamenti o le richieste da parte dei creditori.

La singolarità della attuale situazione è che il concordato in contiguità, funzionalmente diretto al risanamento dell’azienda, contrasterebbe con la sospensione dei voli e con il ritiro della licenza da parte dell’Enac.

La misura preventiva richiesta da parte della Blue Panorama arebbe incongruente, in sostanza, con la sospensione dell’attività commerciale del vettore aereo.

Cosa devono aspettarsi dunque i passeggeri che stanno aspettando il rimborso dei biglietti aerei o che hanno richiesto o ottenuto una sentenza di risarcimento del danno per ritardo aereo cancellazione o perdita dei bagagli.

Meglio non dare false speranze.

Nonostante l’obbiettivo della domanda di concordato sia quello di “preservare il patrimonio e la continuità aziendale” per la tutela dei creditori, le possibilità dei passeggeri di aver tutela dei propri diritti nella speranza di un accordo di ristrutturazione della compagnia aerea Blue Panorama è estremamente bassa, per non dire vana.

È infatti evidente che se viene ritirata la licenza di Trasporto Aereo ad un vettore, con la sospensione del Certificato di Operatore Aereo (Coa), questo non potrà mai volare, né dare garanzie di risanamento.

Il gruppo UVET proprietario della compagnia aerea ha affermato di aver provveduto a tutelare i diritti dei passeggeri, proteggendoli, ma nessuna dichiarazione è stata emessa in merito alle migliaia di richieste avanzate da parte dei passeggeri che lamentano il cambio delle date dei voli incompatibili con le proprie esigenze.

Nessuna garanzia di rimborso è stata data per le migliaia di passeggeri in possesso di biglietti aerei relativi a voli cancellati.

Nessuna certezza è stata data ai passeggeri che hanno ottenute sentenze risarcitorie nei confronti della compagnia aerea.

In tale situazione anche l’Enac è rimasto inerme, impotente di fronte alle strategie di ingegneria societaria del Gruppo UVET, sfruttando le lassità della procedura del concordato preventivo, eluderà pagamenti verso i creditori ed i risarcimenti nei confronti dei passeggeri.

Ancora una volta, dopo 8 anni, viene ammesso dunque il ricorso al Concordato preventivo in aperta violazione dei diritti dei passeggeri ai quali non verrà dato alcun rimborso, né alcuna tutela.

Senza parlare poi delle migliaia di azioni giudiziarie pendenti e delle sentenze di condanna al risarcimento del danno da ritardo aero emesse dai Tribunali italiani, che, seppur non oggetto di sospensione, non verranno mai pagate da parte del Concordato della Blue Panorama.

D’altro canto, sulla possibilità che la società possa essere in un futuro ristrutturata in un’ottica di continuità aziendale deve far riflettere la decisione dell’ENAC di sospendere la licenza di trasporto aereo e lo stesso certificato di operatore aereo (COA) del vettore.

È di immediata percezione, infatti, che se una compagnia aerea non vola non vi è modo che la stessa possa avere una continuità aziendale.

La prosecuzione dell’attività d’impresa è funzionale al soddisfacimento dei creditori; tale che la sospensione della licenza appare contrastante con le asserite finalità di tutela aziendale proclamata da parte della Blue Panorama e dal Gruppo UVET.

Semplificando, se il vettore aereo è oggi in totale decozione incapace di rimborsare i biglietti aerei acquistati dai passeggeri o pagare addirittura le sentenze di condanna alla restituzione del prezzo o al risarcimento del danno, non è dato comprendere come possa onorare un eventuale piano di concordato o un accordo di ristrutturazione dei debiti.

Non va dimenticato che i passeggeri in possesso di sentenze o con diritti di credito già nel 2014 con la procedura di Amministrazione Straordinaria della compagnia aerea italiana guidata dall’Avv. Giuseppe Leogrande in qualità di Commissario Straordinario, erano stati esclusi di fatto da ogni diritto risarcitorio.

In attesa di conoscere il piano del proposto concordato, è dunque presumibile che, anche tale ulteriore triste capitolo dell’Aviation italiana, si disinteresserà dei diritti dei passeggeri.

NON SARA’ DUNQUE POSSIBILE CITARE UN GIUDIZIO LA BLUE PANORAMA A SEGUITO DELLA DOMANDA DI CONCORDATO?

E COSA ACCADRA’ AI GIUDIZI ATTUALMENTE PENDENTI O ALLE SENTENZE DI CONDANNA CHE OBBLIGANO BLUE PANORAMA A RISARCIRE IL PASSEGGERO?

Anche sotto profilo la situazione che si è venuta a creare appare paradossale.

Il ricorso per l’ammissione alla procedura di concordato con riserva impedisce istanze di fallimento, le azioni esecutive e cautelari sull’impresa e vengono sospesi tutti i pagamenti o le richieste da parte dei creditori, ma, a differenza del fallimento, o dell’amministrazione straordinaria, nel concordato preventivo non si sospendono i procedimenti di cognizione ordinaria diretti all’accertamento del credito.

Pertanto è possibile citare in giudizio la società ammessa al concordato o proseguire nell’azione giudiziaria ma, verosimilmente, una volta ottenuta una sentenza, non lo si potrà portare in esecuzione per il divieto di cui all’art. 168.

Possibile che sia così facile per una compagnia debitrice eludere i propri obblighi contrattuali e risarcitori?

Apparentemente si, come provato dal caso Alitalia più volte ammessa alla procedura di Amministrazione Straordinaria, al percorso seguito da parte della Blue Panorama già 8 anni fa, al caso Norvegian Airlines o della Blue Air, non vi è una reale tutela per il passegegro nel nostro ordinamento.

Seppur in teoria il passeggero potrebbe elencare e richiedere il riconoscimento del proprio credito rendendo superfluo il ricorso al giudice, in pratica, le richieste di rimborso dei biglietti aerei o di risarcimento del danno da ritardo aero non potranno prescindere da un giudizio civile a cognizione piena per l’accertamento del diritto in capo al passeggero.

Concludendo, il passeggero per alimentare la tenue speranza di ottenere una tutela parziale dei propri diritti a seguito di una cancellazione o ritardo aereo o mancato rimborso del proprio biglietto aereo Blue Panorama e recuperare una parte del proprio credito, dovrà affrontare un costoso giudizio ed ottenere una sentenza di condanna nei confronti della Blue Panorama per poi sottoporla  al Commissario giudiziario, il quale, verosimilmente, la ignorerà non ritenendola meritevole rispetto agli atri crediti privilegiati avanzati nei confronti della società.

Amareggiati di dover affrontare un ulteriore amaro capitolo del trasporto aereo passeggeri, Salvaviaggio attraverso propri consulenti, ha deciso di aiutare e seguire gratuitamente tutti i passeggeri che vorranno richiedere il risarcimento o il rimborso verso la compagnia aerea, i quali saranno solo onerati di coprire i costi amministrativi per l’instaurazione dei contenziosi (marca da bollo e contributo unificato).

Se sei stato vittima di un ritardo aereo o di una cancellazione, Salvaviaggio.com è pronto a supportarti nel tuo risarcimento seguendoti dalla A alla Z. I nostri consulenti sono a tua disposizione in qualunque momento.

Contattaci via e-mail su info@salvaviaggio.com
Utilizzando la nostra APP: 

Compilando il nostro modulo di assistenza
Telefonicamente 0683956409

Come funziona

icona aereo

1

Presenta la richiesta di rimborso

Occorrono soltanto pochi secondi per completarla! Potrai subito scoprire l‘ammissibilità della richiesta e l‘entità del risarcimento.

Lottiamo per I tuoi Diritti

Il nostro team di esperti verificherà approfonditamente l‘ammissibilità, contattando le compagnie aeree e collaborando con le autorità.

2

3

Ricevi GRATIS il tuo Risarcimento

Dopo aver ricevuto il risarcimento provvederemo a trasferire il denaro. Il nostro servizio è TOTALEMNTE GRATUITO. Nessun pagamento in caso di insuccesso.

Rimborso al 100%

Avrai il 100% del Rimborso. Non tratteniamo nessuna commissione, sarà la compagnia aerea ad evadere il nostro compenso.

icona ok

Perché Sceglierci

Avv Collavini
  • Siamo gli unici professionisti del settore, con esperienza ventennale nell’ambito turistico
  • La rapidità nell’avvio delle pratiche per noi è fondamentale
  • Ti offriamo un’assistenza 24 ore su 24 tempestiva e costante, seguendoti passo dopo passo
  • La trasparenza del nostro lavoro è la caratteristica che più ci contraddistingue


Una squadra di professionisti per offrirti assistenza costante e completamente GRATUITA, Un team di esperti nel settore del turismo con ESPERIENZA VENTENNALE, Sempre operativi per offrirti un servizio qualificato e professionale 24H AL GIORNO, Ti aiutiamo a ottenere la compensazione pecuniaria e il RISARCIMENTO DEL DANNO
100 %
assistenza
gratuita
12.000
casi
in 20 anni
20
anni di tutela
dei passeggeri
99 %
feedback
positivi
24 h
assistenza gratuita
Fai valere i tuoi diritti!
Il servizio è gratis per te, ogni spesa sarà a carico della compagnia aerea.
Il nostro team di avvocati richiederà il rimborso del biglietto e il risarcimento del tuo danno.