assistenza informazione e tutela nel settore turistico

logo

Tutte le Ultime Novita' dal Pianeta Turismo Viaggi e Vacanze!

Home » Articoli e Notizie » La Corte di Giustizia, il tetto al risarcimento bagagli comprende anche i danni morali

Articoli e Notizie dal Mondo del Turismo dei Viaggi e delle Vacanze - News Turismo Turisti Settore Turistico Voli Viaggi Vacanze

La Corte di Giustizia, il tetto al risarcimento bagagli comprende anche i danni morali


La Corte di Giustizia europea, con una sentenza del 6 maggio 2010, a ben vedere non scevra

da dubbi e da critiche, ha dichiarato che il risarcimento previsto dall´art. 22 della

Convenzione di Montreal, riguardante il risarcimento previsto per i casi di distruzione,

perdita o danneggiamento del bagaglio, deve intendersi comprensivo non solo dei danni,

materiali ma anche di quelli morali.

La somma può "levitare" - spiegano i giudici di Lussemburgo - nel caso di una dichiarazione

speciale di interesse alla consegna a destinazione, effettuata dal passeggero al momento in

cui i bagagli vengono affidati al al vettore, dietro pagamento di un eventuale importo

supplementare. In questo caso, il vettore è tenuto, in linea di principio, al risarcimento

sino a concorrenza della somma dichiarata.
La Sentenza, atteso il rischio di un indiscriminato utilizzo della stessa da parte degli

operatori del servizio di trasporto aereo, merita alcune precisazioni.
Senza alcuna specificazione o differenziazione tra singoli voli aerei e viaggi organizzati

(in cui il volo è funzionale all´inizio della vacanza) ed alle effettive esigenze del

passeggero/turista, la Corte, affidandosi ad una analisi comparativa del testo originario in

lingua francese, ha genericamente confermato che i passeggeri potranno richiedere in caso di

smarrimento un risarcimento omnicomprensivo fino a un tetto massimo di 1.000 DSP (secondo il

Fondo Monetario Internazionale pari ad Euro 1.134,00), sia a titolo di danno morale cha a

titolo di danno materiale.
Così posta, infatti, tale sentenza, più che una decisione del legislatore comunitario

diretta a confermare il «giusto equilibrio tra gli interessi» dei vettori aerei e dei

passeggeri, appare, invero, un intervento (dovuto) per limitare il risarcimento del vettore

aereo in conseguenza dello smarrimento del bagaglio registrato da parte del passeggero.
Imporre una limitazione predeterminata, sia a titolo di danno materiale che morale, appare

invero del tutto ingiustificato proprio in virtù della impossibilità di effettuare ex ante

una equiparazione tra bagagli, le rotte e gli interessi specifici dei passeggeri.
D´alto canto, come noto, l´orientamento della giurisprudenza italiana, radicatosi nel corso

degli ultimi anni, è correttamente approdato proprio a un´opposta determinazione, chiarendo

che il passeggero danneggiato della mancata consegna della propria valigia può richiedere

non solo il valore del bagaglio, forfettariamente quantificato in 1000 DSP, ma, anche il

danno morale in conseguenza dell´indisponibilità dei beni contenuti nello stesso.
Tale seconda voce di risarcimento, a ragione, veniva, infatti, valutata in considerazione

delle effettive esigenze del passeggero/turista e dei reali pregiudizi causati dall´assenza

del bagaglio stesso.
Sul punto, è stato correttamente rilevato che il danno morale del passeggero privato del

proprio bagaglio durante il volo di rientro e cioè nella fase finale del viaggio prevede un

quantum risarcitorio più affievolito rispetto ai casi in cui il bagaglio non veniva

riconsegnato al momento dell´inizio della vacanza.
Il principio, tuttavia, nella sua logicità, non sembra essere stato correttamente affrontato

nella sentenza in commento, che anzi non si esprime in alcun modo sul risarcimento degli

effetti negativi della mancata consegna del bagaglio sulla sfera personale del passeggero.

Tale sentenza, invero, non affronta tale principio ed anzi, sembra appiattire ogni

valutazione in tal senso, tanto che, ad una corretta analisi, non dovrebbe in alcun modo

condizionare l´autonoma voce risarcitoria concernente il risarcimento del così detto danno

conseguenza.
Proprio in tale previsione la sentenza della Corte di Giustizia Europea merita dei

chiarimenti. La pratica giurisprudenziale, infatti, prevede due autonome voci di

risarcimento
a) l´una, relativa al danno strettamente collegato alla perdita del bagaglio, cui la Corte

di Giustizia Europea ha voluto, in assenza di maggior valore, dare una quantificazione

standard, che non deve essere provata attesa la qualificazione di indennizzo dell´importo di

Euro 1.134,00 (1000 DSP)
b) l´altra, concernente il risarcimento del danno come conseguenza sull´esito negativo della

vacanza o dell´attività professionale determinata dall´inadempimento del vettore aereo, il

cui onere della prova della quantificazione ricade sul passeggero.
In tale scenario, si ha il creduto timore è che la poca chiarezza di tale pronuncia, induca

i vettori aerei e gli operatori turistici e tentare di strumentalizzare la motivazione della

Corte di Giustizia Europea, negando qualsivoglia richiesta risarcitoria superiore al limite

di Euro 1000 DSP.
Deve essere tenuto nella debita considerazione, infatti, che molto spesso, l´inadempimento

da parte del vettore aereo di una delle obbligazioni principali del contratto di trasporto

aereo, con specifico riferimento alla finalità del viaggio, determina, sotto il profilo

eziologico ben più gravi conseguenze sia di natura patrimoniale che morale.
Si pensi ad esempio al turista cui non viene riconsegnato il proprio bagaglio all´arrivo

nella meta di destinazione, costringendolo a rimanere senza beni personali per tutta la

durata della vacanza, o al passeggero cui non viene riconsegnato il bagaglio con dentro il

proprio vestito di nozze, od il caso del bagaglio smarrito nel cui interno il vettore aereo

aveva obbligato il passeggero ad inserire un rarissimo tipo di prodotto destinato

all´allattamento di una neonata che si stava recando a Cuba per 30 giorni ecc.
Con riferimento a tali fattispecie, appare scontato ribadirlo, la sentenza della Corte di

giustizia Europea non sortirebbe alcun effetto limitativo, delegando, quanto agli effetti

della mancata riconsegna, alla discrezionalità del Tribunale (unico soggetto competente) di

valutare caso per caso sotto l´aspetto del nesso causale l´obbligo risarcitorio del vettore

aereo.
Pur certi che la decisione della Corte Europea debba essere considerata esclusivamente con

riguardo alla fattispecie dello smarrimento del bagaglio inteso, senza alcuna estensione

agli effetti collaterali suppletivi che in alcuni casi possono verificarsi in danno della

sfera personale del passeggero (ed il cui onere della prova come detto sarà in capo al

passeggero), ci si preoccupa delle conseguenze che tale sentenza potrebbe avere atteso che,

sicuramente, gli uffici legali delle compagnie aeree tenteranno di strumentalizzare in modo

analogico ed estensivo la rappresentata "limitazione" includendo nel limite dei 1000 DSP a

tute le conseguenze collegate allo smarrimento o alla ritardata consegna del bagaglio.
Da ultimo, sarà agevole rilevare che della decisione della Corte Europea in commento si

gioveranno esclusivamente le compagnie aeree e soprattutto le Compagnia assicurative atteso

il prevedibile aumento dei contenziosi in considerazione della indiscriminata censura che

verrà fatta delle richieste risarcitorie dei turisti/passeggeri e del funzionale aumento di

polizze assicurative da parte dei passeggeri costretti ad estendere il limite risarcitorio

in caso di smarrimento del proprio bagaglio.
La speranza è dunque che i giudici Italiani facciano proprie le riflessioni contenute nel

presente articolo, rettificando con le future decisioni l´errore e la miopia dimostrata da

parte della Corte di giustizia Europea.
Salvaviaggio.com
Avv. Fabio Collavini

09/05/2010



La Corte di Giustizia europea, con una sentenza del 6 maggio 2010, a ben vedere non scevra

da dubbi e da critiche, ha dichiarato che il risarcimento previsto dall´art. 22 della

Convenzione di Montreal, riguardante il risarcimento previsto per i casi di distruzione,

perdita o danneggiamento del bagaglio, deve intendersi comprensivo non solo dei danni,

materiali ma anche di quelli morali.

La somma può "levitare" - spiegano i giudici di Lussemburgo - nel caso di una dichiarazione

speciale di interesse alla consegna a destinazione, effettuata dal passeggero al momento in

cui i bagagli vengono affidati al al vettore, dietro pagamento di un eventuale importo

supplementare. In questo caso, il vettore è tenuto, in linea di principio, al risarcimento

sino a concorrenza della somma dichiarata.
La Sentenza, atteso il rischio di un indiscriminato utilizzo della stessa da parte degli

operatori del servizio di trasporto aereo, merita alcune precisazioni.
Senza alcuna specificazione o differenziazione tra singoli voli aerei e viaggi organizzati

(in cui il volo è funzionale all´inizio della vacanza) ed alle effettive esigenze del

passeggero/turista, la Corte, affidandosi ad una analisi comparativa del testo originario in

lingua francese, ha genericamente confermato che i passeggeri potranno richiedere in caso di

smarrimento un risarcimento omnicomprensivo fino a un tetto massimo di 1.000 DSP (secondo il

Fondo Monetario Internazionale pari ad Euro 1.134,00), sia a titolo di danno morale cha a

titolo di danno materiale.
Così posta, infatti, tale sentenza, più che una decisione del legislatore comunitario

diretta a confermare il «giusto equilibrio tra gli interessi» dei vettori aerei e dei

passeggeri, appare, invero, un intervento (dovuto) per limitare il risarcimento del vettore

aereo in conseguenza dello smarrimento del bagaglio registrato da parte del passeggero.
Imporre una limitazione predeterminata, sia a titolo di danno materiale che morale, appare

invero del tutto ingiustificato proprio in virtù della impossibilità di effettuare ex ante

una equiparazione tra bagagli, le rotte e gli interessi specifici dei passeggeri.
D´alto canto, come noto, l´orientamento della giurisprudenza italiana, radicatosi nel corso

degli ultimi anni, è correttamente approdato proprio a un´opposta determinazione, chiarendo

che il passeggero danneggiato della mancata consegna della propria valigia può richiedere

non solo il valore del bagaglio, forfettariamente quantificato in 1000 DSP, ma, anche il

danno morale in conseguenza dell´indisponibilità dei beni contenuti nello stesso.
Tale seconda voce di risarcimento, a ragione, veniva, infatti, valutata in considerazione

delle effettive esigenze del passeggero/turista e dei reali pregiudizi causati dall´assenza

del bagaglio stesso.
Sul punto, è stato correttamente rilevato che il danno morale del passeggero privato del

proprio bagaglio durante il volo di rientro e cioè nella fase finale del viaggio prevede un

quantum risarcitorio più affievolito rispetto ai casi in cui il bagaglio non veniva

riconsegnato al momento dell´inizio della vacanza.
Il principio, tuttavia, nella sua logicità, non sembra essere stato correttamente affrontato

nella sentenza in commento, che anzi non si esprime in alcun modo sul risarcimento degli

effetti negativi della mancata consegna del bagaglio sulla sfera personale del passeggero.

Tale sentenza, invero, non affronta tale principio ed anzi, sembra appiattire ogni

valutazione in tal senso, tanto che, ad una corretta analisi, non dovrebbe in alcun modo

condizionare l´autonoma voce risarcitoria concernente il risarcimento del così detto danno

conseguenza.
Proprio in tale previsione la sentenza della Corte di Giustizia Europea merita dei

chiarimenti. La pratica giurisprudenziale, infatti, prevede due autonome voci di

risarcimento:
a) l´una, relativa al danno strettamente collegato alla perdita del bagaglio, cui la Corte

di Giustizia Europea ha voluto, in assenza di maggior valore, dare una quantificazione

standard, che non deve essere provata attesa la qualificazione di indennizzo dell´importo di

Euro 1.134,00 (1000 DSP)
b) l´altra, concernente il risarcimento del danno come conseguenza sull´esito negativo della

vacanza o dell´attività professionale determinata dall´inadempimento del vettore aereo, il

cui onere della prova della quantificazione ricade sul passeggero.
In tale scenario, si ha il creduto timore è che la poca chiarezza di tale pronuncia, induca

i vettori aerei e gli operatori turistici e tentare di strumentalizzare la motivazione della

Corte di Giustizia Europea, negando qualsivoglia richiesta risarcitoria superiore al limite

di Euro 1000 DSP.
Deve essere tenuto nella debita considerazione, infatti, che molto spesso, l´inadempimento

da parte del vettore aereo di una delle obbligazioni principali del contratto di trasporto

aereo, con specifico riferimento alla finalità del viaggio, determina, sotto il profilo

eziologico ben più gravi conseguenze sia di natura patrimoniale che morale.
Si pensi ad esempio al turista cui non viene riconsegnato il proprio bagaglio all´arrivo

nella meta di destinazione, costringendolo a rimanere senza beni personali per tutta la

durata della vacanza, o al passeggero cui non viene riconsegnato il bagaglio con dentro il

proprio vestito di nozze, od il caso del bagaglio smarrito nel cui interno il vettore aereo

aveva obbligato il passeggero ad inserire un rarissimo tipo di prodotto destinato

all´allattamento di una neonata che si stava recando a Cuba per 30 giorni ecc.
Con riferimento a tali fattispecie, appare scontato ribadirlo, la sentenza della Corte di

giustizia Europea non sortirebbe alcun effetto limitativo, delegando, quanto agli effetti

della mancata riconsegna, alla discrezionalità del Tribunale (unico soggetto competente) di

valutare caso per caso sotto l´aspetto del nesso causale l´obbligo risarcitorio del vettore

aereo.
Pur certi che la decisione della Corte Europea debba essere considerata esclusivamente con

riguardo alla fattispecie dello smarrimento del bagaglio inteso, senza alcuna estensione

agli effetti collaterali suppletivi che in alcuni casi possono verificarsi in danno della

sfera personale del passeggero (ed il cui onere della prova come detto sarà in capo al

passeggero), ci si preoccupa delle conseguenze che tale sentenza potrebbe avere atteso che,

sicuramente, gli uffici legali delle compagnie aeree tenteranno di strumentalizzare in modo

analogico ed estensivo la rappresentata "limitazione" includendo nel limite dei 1000 DSP a

tute le conseguenze collegate allo smarrimento o alla ritardata consegna del bagaglio.
Da ultimo, sarà agevole rilevare che della decisione della Corte Europea in commento si

gioveranno esclusivamente le compagnie aeree e soprattutto le Compagnia assicurative atteso

il prevedibile aumento dei contenziosi in considerazione della indiscriminata censura che

verrà fatta delle richieste risarcitorie dei turisti/passeggeri e del funzionale aumento di

polizze assicurative da parte dei passeggeri costretti ad estendere il limite risarcitorio

in caso di smarrimento del proprio bagaglio.
La speranza è dunque che i giudici Italiani facciano proprie le riflessioni contenute nel

presente articolo, rettificando con le future decisioni l´errore e la miopia dimostrata da

parte della Corte di giustizia Europea.
Salvaviaggio.com
Avv. Fabio Collavini

Torna agli articoli

News Turismo Voli Viaggi e VacanzeLeggi le nostre news!

Leggi gli articoli e le notizie dell'ultima ora
dal settore del turismo e del trasporto aereo
e mantieniti sempre aggiornato sulle novità
dal mondo dei voli, dei viaggi e delle vacanze.